Par condicio: dopo la Clinton anche Trump è "vulnerabile"


Dopo l'attacco ai server di posta della Clinton, il candidato Trump ha utilizzato l'accadimento come arma elettorale, evidenziando l'importanza della cyber security e la scarsa preparazione della sua rivale in questo campo. Errore grossolano che nel mondo dell'hacking non si deve commettere.

Ricercatori di sicurezza hanno evidenziato come anche i server di posta del dominio TrumpOrg.com siano affetti da grossolane vulnerabilità: si basano infatti sulla piattaforma Windows Server 2003 (obsoleta e fuori maintenance Microsoft da luglio 2015) e su software datato e non regolarmente patchato.

Articolo: The Hacker News

#vulnerability #patch #government #elections

Sede

Via Gallarate 156

20151 Milano

Call

T: +39.02.30031390

  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Clean

XECURITY S.r.l.

P.IVA 09373670968